11.12.16

Grassadonia si prende la prestazione: "Risultato penalizzante. Volevo questa risposta".


C'è soddisfazione per la prestazione, non per il risultato ovviamente. Gianluca Grassadoniaritrova la sua Paganese, che ha giocato una discreta gara a Lecce ma è stata punita ancora una volta per i soliti grossolani errori. "Nel calcio vince chi la butta dentro e noi oggi, davanti alla capolista, siamo arrivati almeno tante volte. Non era facile contro questo Lecce e dobbiamo ripartire da quanto di buono abbiamo fatto qui in questo stadio. La partita ci penalizza solo nel risultato, contro un avversario, ripeto, di grande spessore e ben allenato. Io credo che per arrivare ad un determinato risultato, bisogna arrivarci con il gioco e sono soddisfatto della prova di tutti perché non era facile. Oggi abbiamo messo in campo la cattiveria agonistica giusta, hanno sudato la maglia tutti: era la risposta che volevo. Il doppio vantaggio qui poteva ammazzare chiunque. Invece noi abbiamo accorciato e giocato con grande voglia e determinazione. Sono fiducioso per il futuro dopo l’ottima prestazione qui al Via del Mare".
Sono stati gli episodi a penalizzare la Paganese. "I gol del Lecce sono arrivati nel nostro migliore momento, quando avevamo rischiato di passare in vantaggio. Già in avvio di match Reginaldo aveva avuto un’ottima opportunità per sbloccare il risultato, ma diciamo che siamo troppo onesti. In altre situazioni, l’attaccante aspetta il tocco del portiere per cercare il rigore. Lui ha preferito calciare in porta, poi è stato bravo il difensore a salvare. Il primo gol dei giallorossi è arrivato proprio su un rapido ribaltamento di fronte, quando noi dovevamo attaccare lo spazio con il pallone messo in mezzo e non sfruttato".
Grassadonia ha anche parlato della lotta alla promozione diretta, sempre più serrata. "E' un campionato avvincente in vetta, con squadre forti ed organizzate. Credo che chi piazzerà il colpo importante a gennaio potrà dire la sua per la vittoria finale".

© Paganesemania - Riproduzione riservata

No comments: