18.7.18

Filippo Raiola a Zona Calcio: "Scarpa e Cesaretti i nostri Ronaldo. Crediamo in Fusco, Pagani piazza ideale per i giovani.


La Paganese è una delle realtà più longeve del nostro calcio di Serie C, un’oasi felice che ha permesso a tanti giovani di mettersi in mostra, un sodalizio che in tutti questi ha operato in maniera perfetta, affidandosi a persone serie e competenti che nutrono una profonda passione per questo club come il direttore generale Filippo Raiola, il quale in esclusiva ai nostri microfoni si è soffermato sul nuovo ciclo targato Fusco, sui segreti di questa società e su tanto altro.

Obiettivo – “Vogliamo cercare di migliorare la nostra classifica, e cercare di non arrivare con tanta sofferenza come è capitato in questa stagione.”

Fusco – “Mister Fusco era un pallino del presidente, è stato da giocatore il nostro capitano, già volevamo puntare su di lui dopo l’addio del maestro Grassadonia.”

Grassadonia – “Ha dimostrato il suo grande potenziale con la rosa a disposizione, mi ricordo che subito dopo la chiusura del mercato il mister voleva fare delle doppie sedute e perdemmo contro il Catanzaro 2-1 ma dalla successiva sfida con il Monopoli siamo arrivati sino ai play-off.”

Piazza ideale – “Il nostro operato con i giovani dovrebbe essere un biglietto da visita per i tanti giovani che vogliono mettersi in mostra. Puntiamo seriamente sui ragazzi che vengono in questa piazza, visto che hanno la possibilità di giocare con una certa continuità e di maturare. De Santis quando è venuto da noi ha dimostrato il suo enorme valore, riconquistando la nazionale di Evani ed arrivando in B, stesso discorso vale per Carillo, Firenze e tanti altri. Per tali motivi vanno fatti i complimenti ad Antonio Bocchetti il quale sa lavorare perfettamente con i giovani, grande conoscitore di calcio che ha permesso di allestire una rosa che ha permesso di individuare profili importanti al quale faccio i migliori auguri per la prossima avventura, visto che parliamo di un ragazzo eccezionale. “

Scarpa e Cesaretti – “Sono due veterani, che hanno trovato a Pagani una splendida vetrina, sono fondamentali per noi, hanno un rilevante potenziale di gol. Il Presidente è stato considerato un folle quando ha deciso di puntare su Scarpa, inoltre abbiamo preso Cesaretti dal Santarcangelo e ci ha regalato tante soddisfazioni. Scarpa e Cesaretti sono i nostri Ronaldo.”

Persone che parlano con i fatti – “Il Presidente Trapani ed il notaio Calabrese sono delle persone che hanno dimostrato con i fatti il loro grande valore, superando i tanti ostacoli che questa Serie C purtroppo ti costringe ad affrontare.”

Seconde squadre – “Tutte le innovazioni sono da verificare, il giudizio lo darà il campo.”

Direttore sportivo – “Stiamo valutando alcuni profili e tra qualche giorno ci saranno delle novità in merito.”

Zonacalcio ringrazia Filippo Raiola per la cortesia e la disponibilità. 

E' il giorno dei portieri: dopo l'arrivo di Santopadre arriva la riconferma di Galli.


E' il giorno del portieri in casa Paganese che, dopo aver ufficializzato l'arrivo dall'Atalanta (clicca qui) del giovane Santopadre, ha reso noto la riconferma di Riccardo Galli. Si riparte così, come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi, dall'estremo difensore classe '93 che si è meritato la riconferma dopo essersi fatto trovare pronto in ogni occasione nella stagione appena conclusa collezionando 13 presenze in campionato comprese quelle nella doppia sfida Play-out con il Racing Fondi. Nel primo pomeriggio l'incontro decisivo in sede con la fumata bianca, come ci si aspettava, vista la volontà manifestata a più riprese di restare nella città di Sant'Alfonso da parte del calciatore che lo scorso 30 giugno si era liberato anche dal vincolo contrattuale che lo legava alla Cremonese.
Restando in tema portieri, in giornata è giunta anche la firma di Lys Gomis col Teramo. Contratto annuale per l'ormai ex Paganese
  
© Paganesemania - Riproduzione riservata 

Ecco la prima ufficialità: dall'Atalanta arriva il portiere Santopadre.


Iniziano ad arrivare le prime ufficialità, dopo il rinnovo di Scarpa, in casa Paganese a meno di una settimana dal ritiro di Chianciano Terme. Come vi avevano preannunciato (clicca qui), in mattinata la Paganese ha chiuso l'accordo con l'Atalanta per l'arrivo in prestito dell'estremo difensore Alessandro Santopadre, classe '98, che era già stato inserito dalla Reggina della lista dei convocati per il ritiro pre campionato di San Gregorio Magno.

Santopadre, nato a Roma il 4/10/1998, cresce calcisticamente nelle giovanili della Roma e dell'Atletico 2000 prima di passare nel 2014 al Perugia, società gestita dal padre Massimiliano proprietario anche del marchio Frankie Garage, dove difende i pali della Primavera. Arriva subito anche la prima convocazione in Serie B quando per la sfida con l'Entella dell'11 ottobre 2015, Bisoli avendo a disposizione soltanto Rosati, con il vice Zima impegnato con l'under21 della Repubblica Ceca ed il terzo Piacenti fuori lista, porta in panchina l'appena diciasettenne. Nel gennaio del 2017 passa a titolo definitivo all'Atalanta che però lo lascia al 'Grifo' dove continua a difendere la porta della Primavera senza però mai riuscire ad esordire in cadetteria.

Nelle prossime ore la Paganese dovrebbe chiudere definitivamente la casella relativa ai portieri con la riconferma di Riccardo Galli.  

© Paganesemania - Riproduzione riservata 

17.7.18

Sciolte le riserve: è Guglielmo Accardi il nuovo coordinatore dell'area tecnica.


E' Guglielmo Accardi il nuovo direttore sportivo della Paganese. Il 51enne operatore di mercato prende il posto lasciato vuoto da Antonio Bocchetti passato al Fano ad inizio luglio, attraverso il Pescara. Accardi è stato ufficializzato quale nuovo coordinatore dell’area tecnica della Paganese con una nota stampa arrivata nel pomeriggio di oggi. In giornata c'è stato l'incontro decisivo fra l'ex ds della Casertana e la società azzurrostellata, presso la sede di via Filettine. Nei giorni scorsi c'erano stati solo dei sondaggi, ma null'altro, con la Paganese impegnata a lavorare su più fronti. Spetterà dunque ad Accardi il compito di costruire la squadra da consegnare a Luca Fusco. Un annuncio che arriva a pochi giorni dalla partenza per il ritiro di Chianciano Terme: staff e calciatori saliranno in Toscana domenica 22. 

Terminata la carriera da calciatore - è stato difensore di Cavese, Ternana, Nocerina e Val di Sangro fra le altre -ha intrapreso prima la carriera di osservatore per il Chievo Verona per poi divenire ds, ruolo ricoperto a Nocera, Torre Annunziata e a Caserta, dove è stato artefice del doppio salto dei falchetti dalla D alla Lega Pro unica. Nelle stagioni scorse, soprattutto in quella che si è appena conclusa, Accardi è stato spesso al Torre per assistere a partite della Paganese, per cui già conosce la piazza e parte della squadra che sarà ai nastri di partenza nel fine settimana. Anche questo potrebbe essere stato un punto a suo favore nella scelta operata dal presidente Trapani.

© Paganesemania - Riproduzione riservata

La Paganese coi piedi di piombo su Iannini, la pista per l'ex Matera si raffredda.


Poteva essere il fine settimana giusto per l'arrivo di Gaetano Iannini alla Paganese, come vi avevamo raccontato sabato pomeriggio nel corso di PaganeseMania Summer. L'ex centrocampista del Matera nei giorni scorsi ha incontrato la dirigenza azzurrostellata per discutere di un possibile ingaggio e un ritorno fra i professionisti, dopo la fine dell'esperienza con la Cavese (la scorsa estate, concluso il rapporto col Matera, era passato al Cerignola poi agli aquilotti). Le parti sono state vicinissime, pare fosse stato trovato anche l'accordo economico col mediano classe '83 che avrebbe potuto dare quel tocco d'esperienza in più alla squadra allenata da Luca Fusco, alla luce delle oltre 500 presenze fra Serie C e Serie D. Nelle ultime ore, però, la pista si è un po' raffreddata: fra la dirigenza ed il calciatore non ci sono stati più contatti e l'affare rischia di saltare. Alla base della decisione della Paganese potrebbero esserci motivazioni di natura tecnica. Nel frattempo, Iannini da oggi è a Coverciano per partecipare al ritiro precampionato organizzato dall’AIC e riservato ai calciatori "senza contratto". Con lui anche l'ex portiere della Paganese, Vincenzo Marruocco, oltre agli ex azzurrostellati Urbano, Radi ed Imparato

Redazione © Paganesemania - Riproduzione riservata
foto: TuttoMatera.com

Enrico Limone a ZonaCalcio: Galli portiere di talento, la Paganese mi ha dato tanto. De Sanzo fondamentale per la salvezza.


Enrico Limone, preparatore dei portieri, è stato una colonna portante della Paganese nell’ultima stagione. Una salvezza passata anche dai pali, con Gomis e Galli alternatosi alla difesa della porta azzurrostellata.

In esclusiva per i microfoni di zonacalcio.net abbiamo intervistato l’esperto preparatore dei portieri. Ecco quanto emerso dalle sue parole:

Stagione complicata – “Sono felicissimo per la salvezza conquistata, nonostante le difficoltà. Ho avuto a disposizione un gruppo di portieri fantastico e li ringrazio per quello che hanno fatto.”

De Sanzo “Per lui è stata un’esperienza impegnativa, è stato bravo a mantenere coeso il gruppo. Grazie soprattutto a lui siamo riuscire a conquistare la permanenza nella categoria.”

Tifoseria – “Essendo un preparatore dei portieri difficilmente veniamo idolatrati dalla Curva, ma durante il riscaldamento sono sempre stati i primi a sostenerci. In questi lunghi cinque anni hanno fatto grandi sacrifici per seguire la squadra in trasferta. Trovare persone come loro è difficile.”

Trapani“Lui è il primo tifoso della Paganese, mi ha dato tanto e mi ha permesso di dimostrare il mio valore. Ha in ogni caso bisogno di una mano perché è difficile fronteggiare questa categoria. Poi lui è un grande competente di calcio, si trova in Lega Pro da 15 anni ormai.”

Galli – “Diventerà titolare quest’anno, ma già nella passata stagione avanzai quest’idea. Riccardo è un portiere forte, dopo un anno di lavoro è diventato ancora più forte. Se fossi rimasto qui, anche io l’avrei sicuramente promosso. Sono contento per lui.”

La figura del portiere“Ora si predilige un gran uso dei piedi, ormai fra i pali c’è bisogno di un marziano. Bisogna saper impostare il gioco, fare determinare uscire, organizzare bene l’area. Sta diventando sempre più difficile, ormai è il ruolo più difficile da interpretare nel calcio.”

ZonaCalcio ringrazia Enrico Limone per la cortesia e la disponibilità. L’intervista, parziale o integrale, può essere riprodotta solo su autorizzazione della Direzione di ZonaCalcio.

16.7.18

Orgoglio Fusco. «E' la mia grande chance».

"Paganese, orgoglio Fusco. «E' la mia grande chance»": questo il titolo de Il Mattino per la pagina sportiva che guarda alla Paganese.

Nel dettaglio: "La Paganese riparte da Luca Fusco e Francesco Scarpa. Giornata di presentazioni e di importanti conferme ieri nella sede sociale di via Filettine. Affiancato da patron Raffaele Trapani, dal presidente onorario Nello Calabrese e dal direttore generale Filippo Raiola, il neo allenatore azzurrostellato ha mosso i primi passi di questa nuova e affascinante avventura".

da tuttoc.com

Scarpa non si arrende e rinnova.


La Paganese per la stagione 2018/2019 potrà contare ancora su Francesco Scarpa. L’attaccante classe 1979, nonchè capitano degli azzurrostellati, ha rinnovato il proprio contratto con il club campano.

da cronachedellacampania.it

15.7.18

Fusco nuovo allenatore della Paganese.


Adesso è anche ufficiale. Dopo avervelo raccontato da diverse settimane, è arrivata oggi pomeriggio l'investitura ufficiale di Luca Fusco quale nuovo allenatore della Paganese. Il club azzurrostellato ha annunciato, attraverso una nota stampa, di aver definito un accordo col tecnico salernitano per la prossima stagione. Dopo l'esperienza da giocatore, dal 2010 al 2013, Fusco ha affiancato Belotti per pochi mesi da gennaio 2014 ed è stato per due stagioni allenatore in seconda di Grassadonia, col quale ha condiviso anche la stagione scorsa alla Pro Vercelli. Per Luca Fusco è il primo incarico da allenatore in prima. L'ufficialità è arrivata proprio nel giorno in cui Fusco ha concluso il Corso Uefa A a Coverciano: a settembre sosterrà l'esame per l'abilitazione. La presentazione ufficiale a stampa e tifosi avverrà sabato 14 luglio alle ore 11.30 presso la sede sociale del club in via Filettine. 
Nel frattempo, in giornata la Paganese ha ricevuto l'ok dalla Covisoc in riferimento alla verifica della documentazione presentata per l’iscrizione al campionato il 30 giugno scorso. L'esito positivo di fatto permette il rilascio della licenza di ammissione, per cui la società azzurrostellata può dirsi iscritta a tutti gli effetti al prossimo campionato di Serie C.

© Paganesemania - Riproduzione riservata

5.7.18

Bocchetti tentato dal Fano: possibile addio del DS alla Paganese.


Come vi abbiamo raccontato nell'appuntamento di PaganeseMania Summer di oggi (clicca qui per rivederlo), potrebbero esserci delle novità sul fronte dirigenziale in casa Paganese. Nelle ultime ore è circolata insistente la voce di un possibile addio del direttore sportivo Antonio Bocchetti verso il Fano, altra compagine di Serie C. La società marchigiana, infatti, ha stretto un accordo con il Pescara, facendo scattare una partnership che porterà a Fano diversi elementi delle giovanili degli abruzzesi. Il nuovo tecnico amaranto, fra l'altro, è proprio un prodotto della fabbrica pescarese come Massimo Epifani. Dopo aver condotto la Primavera biancazzurra, l'ex centrocampista di Giulianova e Val di Sangro nella passata stagione ha guidato il Pescara in B per cinque giornate dopo l'esonero di Zdenek Zeman e prima dell'avvento di Bepi Pillon. Epifani è stato ufficializzato dal Fano proprio ieri, facendo da precursore ad un accordo più largo che potrebbe investire anche Bocchetti
L'AMICIZIA CON SEBASTIANI - Il giovane dirigente azzurrostellato è legato da un rapporto di amicizia e stima con il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani. Il numero uno del sodalizio abruzzese avrebbe l'intenzione di affidare proprio all'ex difensore napoletano la guida del nuovo progetto tecnico sull'asse Pescara-Fano. Un'ipotesi analoga era sorta qualche settimana fa col Teramo, poi però non se ne fece più nulla. Per il momento il diretto interessato si è trincerato nel silenzio in attesa di valutare la fattibilità della cosa: pare che già nel pomeriggio abbia incontrato la dirigenza granata. Il tutto mentre la società azzurrostellata attende le decisioni di Bocchetti - anche per studiare eventuali alternative - che dopo due anni potrebbe lasciare il ruolo di ds della Paganese. Già domani potrebbe esserci, invece, in sede un incontro fra l'ex difensore e il presidentre Trapani. A pochi giorni dall'avvio della stagione (nel fine settimana sarà comunque ufficializzato l'arrivo di Luca Fusco in panchina), gli azzurrostellati rischiano seriamente di perdere il proprio uomo-mercato. 
Danilo Sorrentino
© Paganesemania - Riproduzione riservata

4.7.18

Dopo l'addio di De Sanzo si cerca un nuovo allenatore.


L’ufficialità è attesa già per i prossimi giorni, ma la notizia è ormai nell’aria. Fabio De Sanzo non sarà più l’allenatore della Paganese, nonostante la salvezza ottenuta ai play out. L’allenatore lascia gli azzurrostellati dopo tre mesi intensi, che gli hanno permesso di mettersi in mostra in Serie C. Ora però la società campana lavora per trovare il suo sostituto.

Il nome principale, decantato dalla piazza e non solo, è quello di Luca Fusco. Tecnico di cui abbiamo già parlato (leggi qui) e che potrebbe tornare al Torre. Uno scenario da non sottovalutare, con tutte le ipotesi in completa evoluzione. Sempre al seguito di Grassadonia, questa volta il mister ha deciso di non seguirlo a Foggia e questo potrebbe essere un indizio da non prendere sotto gamba.

Difficile invece che possa concretizzarsi l’idea Lello Di Napoli. Defilati, ma da prendere sempre in considerazione, sono Ginestra ed Erra. Soprattutto quest’ultimo, nella passata stagione al Catanzaro, prima dell’esonero, e con svariate esperienze in Campania durante la sua carriera da calciatore. Il “cobra”, così soprannominato da Iachini ai tempi del Venezia, sembra invece più vicino alla Fidelis Andria, come ha affermato anche ai nostri microfoni.

Insomma, nulla ancora è scritto in quel di Pagani, resta da decidere il futuro, partendo dalla panchina, per poi andare a programmare il mercato.

da zonacalcio.net

2.7.18

Givova nuovo sponsor tecnico per i prossimi 3 anni.


La Paganese Calcio 1926 srl è lieta di annunciare l’accordo triennale con lo sponsor tecnico Givova: marchio sportivo campano dell’azienda di Giovanni Acanfora.

La Givova fornirà il materiale sportivo degli azzurrostellati e tutti i prodotti per il merchandising: acquistabili, in seguito, sul sito ufficiale www.paganesecalcio.com nella sezione Store.

A soli otto anni dalla sua nascita, Givova è già un brand di riferimento nel mercato del prodotto tecnico-sportivo in Italia e all’Estero.

L’azienda campana, vanta già sponsorizzazioni tecniche collaborazioni e partnership con società, enti ed associazioni sportive che militano nelle principali divisioni di calcio, basket e volley, oltre a distribuire i suoi prodotti in 22 Paesi.

Ufficio Stampa Paganese Calcio

Duello Fidelis Andria-Paganese per Ginestra.

Secondo quanto riportato da Tuttomercatoweb.com, la Paganese si è inserita nella trattativa tra la Fidelis Andria e mister Ciro Ginestra. Fra il tecnico e i pugliesi c’era già un accordo di massima, ma l’inserimento della compagine campana potrebbe cambiare le carte in tavola: in pole per sostituire mister De Sanzo nella panchina degli azzurrostellati c'è Luca Fusco, storico vice di Gianluca Grassadonia, ma Ginestra potrebbe essere l'alternativa.

da tuttoc.com

Allenatore: De Sanzo non confermato, si tratta con Luca Fusco.


Con la presentazione della documentazione necessaria per l'iscrizione al prossimo campionato di Serie C, è partita ufficialmente la nuova stagione 2018/2019 per la Paganese. Nelle scorse settimane il presidente Raffaele Trapani, impegnato con i documenti da presentare in Lega a Firenze, non ha comunque tralasciato del tutto l'aspetto tecnico che camminerà di pari passo con l'aspetto societario. Su questo fronte, si attendono ancora sviluppi per definire il budget da mettere a disposizione del direttore sportivo Antonio Bocchetti per la costruzione della rosa.

NODO ALLENATORE - Il primo tassello da inserire è quello dell'allenatore. Fabio De Sanzo non resterà sulla panchina della Paganese, dopo aver condotto la squadra alla salvezza passando per i playout. Il raggiungimento dell'obiettivo non ha fatto cambiare idea al presidente Trapani, con l'ipotesi di una conferma del tecnico calabrese che non è sembrata mai concreta. Nelle scorse ore è stata comunicata a De Sanzo la decisione definitiva, nei prossimi giorni bisognerà trovare un accordo per risolvere il contratto che lo lega per altri due anni alla società azzurrostellata. Ma non sembra essere un problema per l'ex capitano che potrebbe ripartire da una panchina in D.

FUSCO - Non è un mistero che il nome caldo, che circola a conti fatti dall'indomani della gara di ritorno col Fondi, è quello di Luca Fusco, col quale i contatti sono stati frequenti in questo mese. Ed in effetti la Paganese ha scelto proprio Fusco come nuovo allenatore, manca solo l'ufficialità che dovrebbe arrivare nel prossimo fine settimana quando ci sarà l'incontro fra le parti per chiudere definitivamente l'accordo. L'ex difensore dall'inizio di giugno è impegnato a Coverciano (e lo sarà fino a metà luglio) per il corso di "Allenatore professionista di seconda categoria-UEFA A" che abilita a poter guidare tutte le squadre giovanili e le prime squadre fino alla Serie C inclusa. Il giovane allenatore salernitano comincerà la sua avventura da primo proprio da Pagani, dove è già stato da calciatore e da tecnico con Belotti e Grassadonia. Da quest'ultimo ha scelto di staccarsi questa estate, dopo l'esonero alla Pro Vercelli: Grassadonia da ieri è l'allenatore del Foggia, nel suo staff come vice ci sarà Sasà Russo, con Fusco ormai tecnico azzurrostellato in pectore.

Redazione © Paganesemania - Riproduzione riservata

Iscrizione depositata in Lega.

La Paganese Calcio 1926 srl rende noto che il segretario generale Rosati, ha depositato questa mattina, presso gli uffici della Lega Pro a Firenze, la documentazione e la garanzia fideiussoria prevista, per l’iscrizione al campionato di Serie C 2018/2019.

Ufficio Stampa Paganese Calcio 1926 srl

28.6.18

Federico Nacci a Zona Calcio: "Paganese ambiente ideale per i giovani, De Sanzo è stato fondamentale per me. Scarpa il giocatore che mi ha impressionato".


Federico Nacci è uno dei tanti giovani che si è potuto mettere in mostra a Pagani, piazza che ha nel suo DNA la formazione e la crescita del talento, il ragazzo si è dimostrato all’altezza della categoria, contribuendo in maniera importante alla salvezza della Paganese.

In esclusiva a ZonaCalcio.net è intervenuto Federico Nacci, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sulla sua stagione, sull’importanza di aver potuto mettersi in mostra a Pagani e su tanto altro.

Stagione – “E’ stata una stagione positiva visto che abbiamo raggiunto la salvezza, dal punto di vista personale ho raggiunto una certa continuità di prestazioni e di presenze, in un girone come quello meridionale davvero intenso e duro, dove devi dimostrare tanto carattere.”

Fondamentale – “De Sanzo è stato fondamentale nella mia crescita, mi ha trasmesso tanto, con lui parlavo tanto già quando era secondo, mi è sempre stato vicino. Sono stato fortunato ad incontrarlo e a ritrovarlo come tecnico della prima squadra.”

Paganese – “E’ una piazza che ti permette di esprimerti, a differenza di altre società, qui vi sono persone che lavorano magnificamente con i giovani ed è stato il motivo che mi ha spinto a venire qui.”

Play-out – “A livello personale sono state due sfide difficili, visto che la posta in palio per tutti era elevata. Sono partite che ti fortificano, e pertanto ci si deve arrivare al massimo sia dal punto di vista fisico che umano.”

Il giusto mix – “Tutti i “ragazzi vecchi” ci sono stati vicini, dando una grossa mano alla nostra formazione, si è creato un giusto mix tra i veterani e noi under.”

Modelli – “Mi sempre piaciuto Ozil, un grande mancino, con uno stile di gioco unico. Ma inoltre ti posso nominare Cutrone e Locatelli che sono fonte di ispirazione per dove sono arrivati.”

Futuro – “Per ora non so nulla, a Pagani mi sono trovato bene, ho incontrato delle persone magnifiche e un ambiente ideale, rientrerò a Pisa e poi valuteremo. In generale vorrei continuare a migliorare, trovando una piazza come Pagani, che mi permetta di puntare ad alti traguardi.”

La partita – “L’esordio da titolare è stato magnifico, ho affrontato la Virtus Francavilla, fu un incontro molto duro e maschio, ma mi fece capire che potevo starci in questa categoria. Da quella partita lì è stato un crescendo di prestazioni.”

Impressionato – “Sicuramente ti faccio il nome di Lodi che ha calcato grandi palcoscenici e che con il suo sinistro può fare quello che vuole, ma mi ha davvero impressionato il mio compagno di squadra Ciccio Scarpa.”

da www.zonacalcio.net

Serie C: al via il 26 agosto.

La Lega ha ufficializzato la data di inizio della stagione 2018/2019 del campionato di Serie C.

Prima giornata il 26 agosto, le soste sono programmate per il 6 e il 13 gennaio. Turni infrasettimanali da stabilire: anche quest’anno si giocherà durante le festività natalizie (26 e 30 dicembre). Chiusura di campionato il 5 maggio 2019.

La Coppa Italia di Serie C si giocherà il 5, il 12 e il 19 agosto con orari da stabilire.

PROGRAMMAZIONE GARE STAGIONE 2018-2019
La programmazione sarà su base trimestrale, secondo le seguenti fasce:
– 26 agosto + settembre 2018 / ottobre 2018 / novembre 2018;
– dicembre 2018 / gennaio 2019 / febbraio 2019;
– marzo 2019 / aprile 2019 / maggio 2019.

FASCE ORARIE

Il campionato si caratterizzerà per quattro fasce orarie identiche sia di sabato che di domenica:
– sabato: fischio d’inizio 14.30 / 16.30 / 18.30 / 20.30;
– domenica: fischio d’inizio 14.30 / 16.30 / 18.30 / 20.30

TURNOVER GIRONI

– un girone giocherà di sabato per tre mesi e due gironi giocheranno di domenica per tre mesi; in tal modo
durante l’intera stagione ogni girone giocherà un trimestre di sabato e due trimestri di domenica, fermi
restando gli anticipi del venerdì ed i posticipi del lunedì per esigenze televisive;
– in ogni fascia oraria si disputeranno più gare;
– la domenica un girone disputerà le gare alle ore 14.30 e 18.30; l’altro girone disputerà le gare alle ore
16.30 e 20.30.

TURNI INFRASETTIMANALI

Si disputeranno tre turni infrasettimanali su due giorni, martedì e mercoledì. L’orario proposto dalla Lega
Pro sarà l’orario serale (18:30, 20.30) presente nel trimestre di riferimento per ciascun girone.

Ufficio Stampa Paganese Calcio 1926 srl

22.6.18

Panchina: probabile la riconferma di Kazzimma De Sanzo.


Salgono le quotazioni del tecnico di Castrovillari.

Mentre la società provvede a programmare la prossima stagione resta in primo piano la vicenda riguardante la panchina azzurrostellata. Mister De Sanzo potrebbe essere confermato dando così seguito al lavoro iniziato sulla fine dello scorso campionato. Scendono invece le quotazioni degli altri candidati, tra cui l’ormai rinomato Luca Fusco. Il vice di Grassadonia durante l’esperienza a Vercelli non sarebbe al momento più in pole dopo che nelle scorse settimane è stato maggiormente accreditato per approdare al Marcello Torre.

Una sterzata che avrebbe invece messo in evidenza le maggiori possibilità che rimanga lo stesso De Sanzo sulla panchina azzurrostellata. Il suo merito è stato senza dubbio quello di aver conquistato la salvezza. Inoltre più volte è stato elogiato per aver dato un’anima alla squadra nel momento più difficile del campionato. Probabile quindi che resti a Pagani, senza essere di conseguenza scalzato dal ruolo di tecnico.

Restano invece defilati altri due tecnici accostati ai campani, parliamo di Lello di Napoli e Alfonso Pepe. Il primo non sembra al momento aver avuto il benestare della piazza, che vedrebbe invece bene la conferma di De Sanzo. Il secondo invece potrebbe essere orientato più verso una nuova esperienza in Serie D dopo quella con l’Ebolitana dello scorso anno.

da www.zonacalcio.net

19.6.18

Serie C 2018/2019, la situazione delle panchine.

Si va man mano delineando il quadro delle panchine di Serie C per la stagione 2018/2019. Al momento sono 59 le squadre che dovrebbero iscriversi al prossimo torneo. Condizionale d'obbligo perché per diversi club l'immediato futuro è incerto. In più si attendono novità per quanto riguarda le seconde squadre che subentreranno ed eventuali ripescaggi in B e nella stessa C. TuttoC.com vi propone quindi un quadro provvisorio delle panchine della terza serie. Nell'elenco si trovano ovviamente anche le retrocesse dalla Cadetteria e le promosse dalla Serie D.

Legenda: tra parentesi dopo il nome dell'allenatore, in maiuscolo la specifica se sia nuovo o confermato. Nel caso invece di panchine che dovrebbero essere confermate ma per le quali non è ancora arrivata ufficialità, tra parentesi troverete un punto interrogativo. Per le posizioni incerte abbiamo avanzato delle percentuali tra i vari nomi in ballo. Infine "in bianco" lì dove i precedenti allenatori non sono stati confermati e non sono arrivate ancora indiscrezioni in merito.

PANCHINE SERIE C 2018/2019


Alessandria: Gaetano D'Agostino (NUOVO)
Albinoleffe: Massimiliano Alvini (CONFERMATO)
Albissola: Fabio Fossati (CONFERMATO)
Arezzo: Alessandro Dal Canto (NUOVO)
Arzachena: Mauro Giorico (?)
Bisceglie: Gianfranco Mancini (CONFERMATO)
Carrarese: Silvio Baldini (CONFERMATO)
Casertana: Gaetano Fontana (NUOVO)
Catania: 60% Aimo Diana (nuovo), 20% Pasquale Marino (nuovo), 10% altro (nuovo), 10% Cristiano Lucarelli (confermato)
Catanzaro: Gaetano Auteri (NUOVO)
Cuneo: 70% Antonio Asta (nuovo), 30% altro (nuovo)
Fano: 60% Giovanni Cornacchini (nuovo), 40% altro (nuovo)
Feralpisalò: Domenico Toscano (CONFERMATO)
Fermana: Flavio Destro (CONFERMATO)
Fidelis Andria: 30% Aldo Papagni (confermato), 30% Ciro Ginestra (nuovo), 20% Aimo Diana (nuovo), 20% altro (nuovo)
Giana Erminio: Raul Bertarelli (NUOVO)
Gozzano: ---
Gubbio: Alessandro Sandreani (CONFERMATO)
Juve Stabia: ---
Lucchese: Leonardo Menichini (NUOVO)
Matera: 70% Giorgio Roselli (nuovo), 20% Giuseppe Pagana (nuovo), 10% altro (nuovo)
Mestre: 10% Mauro Zironelli (confermato), 90% altro (nuovo)
Monopoli: Giuseppe Scienza (CONFERMATO)
Monza: Marco Zaffaroni (CONFERMATO)
Novara: William Viali (NUOVO)
Olbia: Michele Filippi (NUOVO)
Paganese: 70% Fabio De Sanzo (confermato), 30% altro (nuovo)
Piacenza: Arnaldo Franzini (CONFERMATO)
Pisa: 20% Mario Petrone (confermato), 30% Giovanni Colucci (nuovo), 30% Fabio Caserta (nuovo), 20% Stefano Sottili (nuovo),
Pistoiese: Paolo Indiani (CONFERMATO)
Pontedera: Ivan Maraia (CONFERMATO)
Pordenone: 90% Mauro Zironelli (nuovo), 10% altro (nuovo)
Potenza: Nicola Ragno (CONFERMATO)
Pro Patria: Ivan Javorcic (CONFERMATO)
Pro Piacenza: ---
Pro Vercelli: Vito Grieco (?)
Ravenna: Luciano Foschi (NUOVO)
Reggiana: Sergio Eberini (?)
Reggina: Roberto Cevoli (NUOVO)
Renate: Oscar Brevi (NUOVO)
Rende: 90% Francesco Modesto (nuovo), 10% altro (nuovo)
Rieti: ---
Rimini: Gianluca Righetti (?)
Robur Siena: Michele Mignani (CONFERMATO)
Sambenedettese: 40% Giuseppe Magi (nuovo), 30% Vincenzo Torrente (nuovo), 10% Piero Braglia (nuovo), 20% altro (nuovo)
Sicula Leonzio: Paolo Bianco (NUOVO)
Siracusa: 40% Giovanni Ignoffo (nuovo), 40% Giuseppe Pagana (nuovo), 20% Giovanni Colucci (nuovo)
Sudtirol: Paolo Zanetti (CONFERMATO)
Teramo: Giovanni Zichella (CONFERMATO)
Ternana: Luigi De Canio (CONFERMATO)
Trapani: Alessandro Calori (?)
Triestina: Massimo Pavanel (NUOVO)
Vibonese: Nevio Orlandi (CONFERMATO)
Vicenza: Giovanni Colella (CONFERMATO post Bassano)
Virtus Entella: 30% Fabio Gallo (nuovo), 30% Bruno Trocini (nuovo), 30% Claudio Foscarini (nuovo), 10% altro (nuovo)
Virtus Francavilla: Nunzio Zavettieri (NUOVO)
Virtus Vecomp Verona: Luigi Fresco (CONFERMATO)
Vis Pesaro: 70% Claudio Bellucci (nuovo), 20% Alberto Cavasin (nuovo), 10% altro (nuovo)
Viterbese: 80% Giovanni Lopez (nuovo), 10% altro (nuovo), 10% Stefano Sottili (confermato)

da www.tuttoc.com

18.6.18

La nuova geografia della Serie C.

Con la promozione del Cosenza in Serie B dopo 15 anni di assenza non si è solo conclusa la stagione 2017/18 ma ci si può già proiettare al campionato di Serie C 2018/19. Per questo abbiamo già deciso di presentare la mappa della terza serie che verrà, analizzando la provenienza geografica delle squadre che hanno acquisito il diritto ad iscriversi tramite la retrocessione dalla B, il mantenimento della categoria o la promozione dalla D, senza alcun riferimento quindi a problematiche varie che potrebbero investire le stesse nel corso dell'estate (fatta salva l'unione già certificata di Bassano Virtus e Vicenza).

Nonostante la perdita di ben 3 sue rappresentanti (Livorno salito in B, Gavorrano e Prato scesi tra i dilettanti), la Toscana resta la regina delle regioni di C con 7 squadre. Segue a ruota la Lombardia con 6, capace di superare l'Emilia Romagna: la prima infatti acquisisce un'esponente quale la Pro Patria campione d'Italia di D, mentre la seconda che aveva già perso in corso d'opera il Modena, saluta il retrocesso Santarcangelo e dà il benvenuto al Rimini promosso dalla quarta serie. Scala la classifica il Piemonte che, da sole 2 rappresentanti, se ne ritrova ora ben 5 a causa della retrocessione di Novara e Pro Vercelli e grazie alla promozione del Gozzano. New entry della stagione alle porte la Liguria: senza esponenti nell'ultimo campionato, ne può vantare ora 2 a causa dell'addio alla B della Virtus Entella e per merito dell'Albissola salita dalla D. Raddoppiano Umbria e Basilicata: al Gubbio si affianca la neoretrocessa Ternana e al Matera il neopromosso Potenza. Sempre assenti Valle d'Aosta e Molise.

Ecco il quadro completo della Serie C 2018/19:

Toscana (7 club): Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pisa, Pistoiese, Pontedera, Robur Siena;
Lombardia (6): AlbinoLeffe, Feralpisalò, Giana Erminio, Monza, Renate; Pro Patria (promossa dalla D);
Piemonte (5): Novara e Pro Vercelli (retrocesse dalla B); Alessandria, Cuneo; Gozzano (promosso dalla D);
Emilia Romagna (5): Piacenza, Pro Piacenza, Ravenna, Reggiana; Rimini (promosso dalla D);
Calabria (4): Catanzaro, Reggina, Rende; Vibonese (promossa dalla D);
Marche (4): Fano, Fermana, Sambenedettese; Vis Pesaro (promossa dalla D);
Puglia (4): Bisceglie, Fidelis Andria, Monopoli, Virtus Francavilla;
Sicilia (4): Catania, Sicula Leonzio, Siracusa, Trapani;
Veneto (3): Bassano Virtus-Vicenza, Mestre; Virtus Vecomp Verona (promossa dalla D);
Campania (3): Casertana, Juve Stabia, Paganese;
Liguria (2): Virtus Entella (retrocessa dalla B); Albissola (promossa dalla D);
Friuli Venezia Giulia (2): Pordenone, Triestina;
Umbria (2): Ternana (retrocessa dalla B); Gubbio;
Lazio (2): Viterbese; Rieti (promosso dalla D);
Basilicata (2): Matera; Potenza (promosso dalla D);
Sardegna (2): Arzachena, Olbia;
Trentino Alto Adige (1): Sudtirol;
Abruzzo (1): Teramo;
Molise (0);
Valle d'Aosta (0).

da www.tuttoc.com